epoca10La FMI – Federazione Motociclistica Italiana, allo scopo di tutelare il patrimonio storico nazionale e di promuovere la ricerca, il restauro e la conservazione dei motoveicoli di interesse storico, ha istituito il Registro Storico Nazionale, riconosciuto dal Codice della Strada. Possono essere iscritte al Registro Storico i motocicli e ciclomotori che abbiano compiuto 20 anni di età.

Le procedure e la relativa modulistica, necessarie per la richiesta d’iscrizione al Registro Storico Nazionale, ed il rilascio del Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica prevedono tre differenti casistiche:

A) Motoveicoli muniti di regolare targa e libretto di circolazione nazionale (con dati tecnici corretti e conformi al veicolo) e mai dismessi dalla circolazione (Procedura A);

B) Motoveicoli muniti di targa e libretto di circolazione nazionale ma radiati d’Ufficio dal PRA o motoveicoli non muniti di regolare libretto di circolazione nazionale (radiati d’Ufficio dal PRA privi di libretto di circolazione, cancellati dal PRA per custodia in area privata, demoliti, nuovi mai immatricolati, di importazione estera, di origine sconosciuta, mai iscritti al PRA, ecc.). Motoveicoli muniti di targa e libretto di circolazione nazionale, ma con dati tecnici errati o non conformi al veicolo (Procedura B).

Epoca Sport: motoveicoli non abilitati alla circolazione stradale, bensì utilizzati in discipline sportive (Velocità e Cross) che ne precedono esclusivamente l’utilizzo in appositi impianti. L’iscrizione al Registro Storico è comprovata dal rilascio del tesserino di conformità storico-tecnica, valido ai soli fini sportivi.

Clicca qui per approfondire